Come essere primi su Google con le key

SEO 4 960x480 - Come essere primi su Google con le key

Se tu stesso hai pubblicato un sito web o (meglio) un professionista lo ha realizzato per te, ti sarai chiesto come essere primi su Google. A meno che tu non abbia una già una rete di clienti diretti, sfruttare l’indicizzazione su Google si rivela fondamentale per acquisirne di nuovi. Come? Attraverso la ricerca da parte degli utenti di specifiche parole chiave (i link dei tuoi contenuti) che dovranno comparire nelle prime pagine, se non proprio sulla prima pagina del motore di ricerca.

Non mi trova nessuno! È questo il titolo della nostra campagna Facebook volta a sensibilizzare i nostri clienti alla buona indicizzazione su Google. Non siamo né i migliori né i più bravi a fare on page SEO. Ma se vuoi approfondire il nostro servizio puoi sempre leggere la pagina di atterraggio (landing page) attualmente in campagna: Posizionamento siti web WordPress. Tranquillo, in questo articolo non ti voglio vendere nulla, ma solo chiarire meglio quello che vorresti sapere, visto che qui ci sei arrivato facendo una ricerca che dia una risposta alla tua domanda. Come essere primi su Google.


Come essere primi su Google con il mio sito web o blog

Pubblicare un blog o il proprio sito aziendale con WordPress e oggi relativamente semplice e costa 10 volte di meno che 10 anni fa. Se da una parte, professionisti e aziende ci chiedono assistenza WordPress, è anche vero che altrettanti fanno da sé. A volte con risultati eclatanti, altre volte disastrosi, specie se parliamo di SEO e indicizzazione. Ieri sera cercavo un’osteria sul mare (ma è solo un esempio) e mi sono imbattuto in pagine in cui l’osteria sì compariva indicizzata, ma come none di dominio di un link (il titolo in blu su Google) in coda a parole in inglese che riportano ad un articolo finto. Ma questo è solo un esempio di cui foto.

Google snippet

Per evitare questo problema che ti può rendere poco credibile penalizzando la tua immagine (anche se indicizzato) la soluzione è solo una. Ricordati sempre di cancellare gli articoli finti. Ad ogni installazione di WordPress infatti, viene pubblicato un articolo (di solito si chiama: Ciao mondo!). In questo caso invece è il nostro hosting provider SiteGround di cui siamo partner che molto intelligentemente sfrutta una tua disattenzione e quindi stai bene attento a svolgere questi punti:

  1. Non rendere mail visibile ai motori il sito web prima che sia terminato
  2. Installa WordPress e cancella sempre gli articoli esempio
  3. Fai sempre un re-direct ogni volta che modifichi un permalink
  4. Usa il tuo account Google Search Console pr correggere gli errori 404
  5. Elimina da Google le pagine finte se già indicizzate

Hai capito come essere primi su Google voglia dire esserci davvero. Potrai certamente essere sulle prime pagine di Google ma con testi finti che non centrano nulla con i tuoi e che non faranno altro che dare una brutta immagine alla tua azienda. Se qualcuno ti ha fatto il sito e trovi questi errori, avrai tutto il diritto di chiedere le correzioni. Chi fa siti web 2.0 certe cose le dovrebbe sapere bene.


In prima pagina con le keywords

Altro discorso è fare SEO. Una materia complessa della quale ci occupiamo naturalmente, ma anche troppo complicata per essere spiegata in un solo articolo. Sul blog ne trovi diversi che trattano l’argomento in dettaglio e con esempi chiari. Oggi invece ti voglio fare un breve accenno a come puoi intervenire con le giuste keyword per arrivare sulle prime pagine, essendo di base meglio indicizzato. Che cos’è una keyword allora? Meglio farsi questa domanda prima di iniziare.

Immagina il tuo potenziale cliente. Se è su Google è perché sta cercando qualche cosa che potrebbe essere uno dei tuoi servizi o prodotti e digiterà quello che cerca. Una keyword quindi non è una semplice parola ma il bisogno dell’utente. Di conseguenza la keyword sarà composta di più parole (a volte anche sgrammaticate). Una keyword di più parole si chiama keyword a coda lunga (Long Tail Keyword) il quale concetto di maggiore efficacia di una semplice parola è ben espresso in questa immagine.

Come essere primi su Google

“Le Long Tail Keyword sono le più efficaci.”


Parole chiave efficaci e verticali

L’immagine parla più di mille parole ed è straordinariamente intuitiva. Se ti occupi di viti e bulloni, non usare mai queste due semplici parole (congiunzione compresa). Cerca invece di contestualizzare bene la keyword in base a queste caratteristiche che ti elenco. Domandandoti sempre pima (e facendo una verifica su Google) cosa potrebbe cercare il tuo cliente:

  1. Usa parole chiave a coda lunga
  2. Cerca di capire qual’è il bisogno dell’utente
  3. Restringi l’area al tue settore essendo molto specifico
  4. Restringi l’area geografica
  5. Utilizza nei contenuti parole chiave correlate

Impara la grammatica SEO

Se hai un sito web aziendale o un blog avrai tanti contenuti. Tieni presente alcune semplici regole (oltre alla buona e originale scrittura) che fanno parte della grammatica SEO. Proprio come dovessi imparare una lingua nuova:

  1. Utilizza la keyword nel permalink del tuo articolo/pagina
  2. Inserisci un titolo (tag H1) che contenga la keyword
  3. Usa il tag H2 (che contiene la keyword) come fosse l’inizio di un capoverso
  4. Scrivi più volte la tua keyword nel testo
  5. Usa un’immagine che abbia la keyword come tag title
  6. Imposta le descrizioni per Google e per i social network contenenti la keyword

Spero con queste poche regole di esserti stato di aiuto. Inizia a creare i tuoi contenuti SEO e qualora tu voglia approfondire l’argomento ti invito a leggere alcuni articoli del nostro blog. Se invece hai bisogno di assistenza WordPress anche per come essere primi su Google del tuo sito web o blog non esitare a contattarci! Stay tuned, Gestione WP.

Print Friendly
Corso WP 1 610x320 - Come essere primi su Google con le key

CORSO WORDPRESS

Scopri di più

Tutti i segreti per diventare un PRO!

Grazie per averci inviato la tua email.