Vai alla home page

Come indicizzare un sito con Yoast

Chiunque usa WordPress prima o poi si chiederà come indicizzare un sito su Google. Ha poco senso infatti pubblicare un sito WordPress o un blog se ciascuno non è posizionato SEO e una delle prime cose da fare è proprio l’indicizzazione. Compito del tuo webmaster? Se ti ha abbandonato perché non l’hai pagato, o è scappato in Irlanda chiedi a Gestione WP. Nel frattempo…

Come indicizzare un sito su Google è fondamentale. Il tuo eCommerce (WooCommerce) per esempio, ha la possibilità di passare dalla periferia direttamente al centro della città. Puoi ben capire che se il negozio vende le scarpe di Gucci, non avrà molto successo lì dove abiti. Ma se, grazie al tuo posizionamento SEO, riuscirai ad avere la vetrina (digitale) in piazza del Duomo il gioco è fatto. Oltre a risparmiare 3.000 Euro di affitto al mese, gruppi di cinesi faranno a gara per entrare.

Uno dei motivi per i quali è necessario capire come indicizzare un sito su Google è quello di usare tecniche di posizionamento SEO on page (più volte descritte in questo blog) oltre che illustrate in questo nostro PDF, dedicato proprio al posizionamento SEO su Google. Scarica il PDF e quando hai un attimo di tranquillità leggi la nostra offerta!

Il posizionamento SEO di Gestione WP

ON PAGE SEO


Come indicizzare un sito su Google

Nel frattempo voglio darti qualche dritta e in questa mini guida offrirti gratuitamente alcuni consigli. Pubblicato il tuo sito web o blog, ancora prima di renderlo visibile ai motori di ricerca è necessario installare il plugin Yoast. Utile plugin nato per la SEO (un vero e proprio correttore di errori), Yoast non è solo il plugin del semafori ti aiuta a compilare un tuo articolo con la giusta grammatica SEO, ma molto di più. Con la possibilità di creare una mappa del sito, generare il file robots.txt, modificare direttamente dalla tua dashboard il file ht.access, Yoast diventa uno strumento indispensabile.

Come indicizzare un sito su Google

“La dashboard di Gestione WP in Google Search Console.”


Successivamente alla creazione del file robots.txt dovrai aprire un account Google Search Console. Il potente strumento di Google che consente al tuo sito di mostrare a Google tutte le attività che da oggi inizierai. Pubblicando contenuti SEO sulle tue pagine e sugli articoli del tuo blog. Ricordati che avendo indicizzato il sito sei arrivato in Piazza del Duomo e Google è lì che ti guarda se riesci a farti notare e, tra piccioni e centinaia di cinesi la cosa non è semplice.

[frontpage_news widget=”23507″ name=”Abbiamo parlato di…”]


Inviare la mappa a Google

Con la comoda opzione di creazione e gestione della tua mappa xml di Yoast potrai inviare un link a Google. 1) Crea un account Google Search console. 2) Scarica il file di verifica e installalo nella root principale del tuo server. Con Hosting WordPress è ovviamente molto più semplice gestire i tuoi dai grazi al comodo cPanel e dimenticarti dell’FTP una volta per sempre. 3) Aggiorna il file su Google Search Console (devi pulire la cache del tuo sito). 4) Aggiungi/testa la mappa del sito.

  1. Installa il plugin Yoast (e rendi attive le opzioni di default)
  2. Crea il file robots.txt (dalle opzioni strumenti)
  3. Apri un account Google Search Console (verifica la nuova proprietà)
  4. Aggiorna il file robots.txt (è necessario svuotare la cache)
  5. Aggiungi/testa la mappa del sito (invia la url)
  6. Tieni sempre Search Console aggiornata (correggi gli errori 404)

Controlla periodicamente il tuo account Google Search Console e tienilo aggiornato. Sicuramente nel tempo il tuo sito web produrrà pagine di errori 404. Come risolverli? Voglio segnalarti questo plugin premium che farà la differenza: SEO Redirection Premium. Potrebbero essere i pochi dollari spesi meglio oggi! Stay tuned, Gestione WP.

Nascondi
Guida WordPress 2019