Vai alla home page

Come indicizzare un sito WordPress su Google

Come indicizzare un sito

Se hai pubblicato un sito WordPress, ti sarai anche chiesto come indicizzarlo su Google. Usando WordPress le cose sono relativamente “semplici”. Ma se non sai come fare continua a leggere o affidati ai servizi di assistenza WordPress di Gestione WP. Ci occuperemo della tua indicizzazione SEO che ti porterà prestissimo in prima pagina di Google!

Come indicizzare un sito WordPress su Google? Hai scoperto che il tuo sito web non è indicizzato? Forse tu stesso, ho chi ti a realizzato il sito non è al corrente di quali sono le migliori tecniche di indicizzazione. In questo articolo voglio spiegarti come fare per indicizzare un sito su Google, con pochi e semplici accorgimenti estremamente efficaci.

Naturalmente stiamo parlando di come indicizzare un sito WordPress, il CMS che usiamo per realizzare il tuo nuovo sito web e piattaforma di grande successo usata da tutti i blogger, professionisti e aziende. Scopriamo come con WordPress e qualche accorgimento tecnico non troppo complicato sia possibile indicizzare con successo un sito su Google.


Come indicizzare un sito WordPress su Google

Come indicizzare un sito è una domanda che si fanno molti appassionati o clienti. Ma anche coloro che non hanno ricevuto un buon servizio da chi gli ha realizzato il sito web. Pubblicare un sito con WordPress, per esempio, può anche essere semplice se si tratta di poche pagine che non devono avere un design particolare. In questo caso basta installare un tema (ne trovi qualcuno ben descritto qui: Temi & Plguin) usando preferibilmente un prodotto professionale per avere assistenza, aggiornamenti e supporto.

Il test della page speed eseguito per il nostro sito:

Come indicizzare un sito WordPress su Google

“Una buona indicizzazione si ottiene con un sito veloce.”


5 regole per una perfetta indicizzazione

Ma se si tratta di indicizzare un sito nella SERP di Google le cose si complicano leggermente. Non basta infatti pubblicare pagine e articoli per essere sicuri che vengano correttamente indicizzati su Google. Motivo per il quale noi di assistenza WordPress offriamo a tutti gli utenti un potente servizio di indicizzazione che comprende queste azioni:

  • Creazione e verifica della sitemap del sito web (anche usando Yoast SEO)
  • Pubblicazione del file robots.txt (per dire a Google chi sei)
  • Apertura e gestione di un account Search Console (gestione gratuita per i primi 3 mesi)
  • Installazione di un plugin per gli errori 404 (un componente premium)
  • Gestione degli errori (e cancellazione da Google delle pagine che danno gli errori)

Prima di tutto pensa di avere una buona ottimizzazione della velocità di navigazione grazie al nostro intervento di page speed. Per rendere la navigazione veloce del sito e inferiore ai 2 secondi. Requisito importantissimo per una migliore indicizzazione, con l’ottimizzazione del server e di WordPress (la piattaforma CSM per siti web moderni e responsive).


1) Creare una Sitemap

Per indicizzare un sito su Google occorre innanzitutto creare una Sitemap, un file XML che raccoglie le informazioni sui contenuti pubblicati. Pagine e articoli, ma anche Categorie e Feed. La Sitemap raccoglie tutti i link del sito e ha la funzione di aggiornarli ad ogni modifica per poi trasmettere a Google dati sempre aggiornati. Per cerare una Sitemap con WordPress possiamo utilizzare 2 plugin. Il 1° si chiama Google XML Sitemaps. Il 2° è il più completo Yoast SEO, usato anche come utile strumento di verifica della nostra SEO in pagina (On page SEO). Entrambi i plugin sono utilissimi al nostro scopo.


2) Pubblicare il file Robots.txt

Questo file deve essere presente sul server nella root principale del nostro sito web ed è importantissimo. Il file Robots.txt contiene delle istruzioni in codice necessarie per far sapere a Google che cosa indicizzare. Possiamo quindi autorizzare l’indicizzazione di taluni file con il comando “Allow” e, altrettanto, impedire l’indicizzazione di altri file con l’istruzione “Disallow”. Il file conterrà anche il link alla nostra Sitemap: “Sitemap:”. Creiamo quindi un file sul server o usiamo una comoda opzione in Yoast SEO.

Search Console

3) Aprire un account Search Console

Creare un account su Google Search Console ci consentirà di ottenere tutte le verifiche necessarie alla corretta indicizzazione. Verificare nel tempo tutte le metriche e i dati, ricevere segnalazioni di errori da Google e segnalare gli aggiornamenti dei file corretti. Una buona gestione della Google Search Console è necessaria e indispensabile per confrontare i dati nel tempo e avere sempre la situazione sotto controllo. La migliore gestione è offerta dal nostro SEO Specialist nei piani di assistenza WordPress.


4) Verificare gli errori 404 con un plugin

Il plugin (componente aggiuntivo a WordPress) che oggi ti voglio consigliare si chiama SEO Redirection Premium. È scaricabile dal sito in offerta a 29 Dollari. la licenza è una multilicenza valida per più siti WordPress. Le caratteristiche interessantissime sono quelle di essere una soluzione integrata SEO. SEO Redirection Premium è un plugin che ti permette i re-indirizzamenti per il tuo sito e gestire facilmente gli errori 404 e queste sono le principali caratteristiche del plugin:

SEO Redirection Premium

  • Gestire facilmente tutti i re-indirizzamenti (anche con re-indirizzamenti diversi)
  • Reindirizzare le pagine o anche le cartelle (con il loro contenuto)
  • Il “Wildcard Redirect” è supportato (per mantenere i nomi dei file quando si reindirizza una cartella con il suo contenuto)
  • Funziona per qualsiasi stato di post (pubblicato, bozza o cancellato)
  • Gestore 404 avanzato (per monitorare gli errori 404 e risolverli)
  • Cronologia con dettagli (per tutti i re-indirizzamenti eseguiti)
  • Pannello di controllo avanzato (e intelligente per gestire tutte le funzionalità)

5) Gestione della Search Console

L’uso di SEO Redirection Premium non preclude l’uso e la gestione della Google Search Console. WordPress è un sistema che genera errori 404 di default, inoltre e spesso, durante la tua ottimizzazione SEO, ti capiterà certamente di cambiare il nomi dei permalink. In funzione delle keyword più efficaci scelte per ogni contenuto. Contattaci, siamo naturalmente a disposizione per offrirti la nostra assistenza WordPress e una consulenza gratuita. Stay tuned, Gestione WP.

Non conosci WordPress? GUIDA 2019
Hello. Add your message here.