Vai alla home page

Dominio online. Il tempo è una discriminante?

Matt Cutts 1 960x480 - Dominio online. Il tempo è una discriminante?

Dice il proverbio: “Gallina vecchia fa buon brodo”. Diceva Matt Cutts: “Il tempo da cui hai un dominio online è relativamente importante”. Per noi resta una discriminante abbastanza importante e uno dei tanti fattori di successo del tuo ranking SEO. Scopriamo il perché.

Quante volte ti è capitato di vedere siti web realizzati ancora in HTML e quindi non responsive posizionati sulla prima pagina di Google? Ti sei chiesto il perché? Hai analizzato alcuni dati relativo al dominio online con qualche semplice ma efficace strumento tipo SEOquake? Confrontare qualche dato può infatti essere molto interessante. Scoprirai che il sito web in oggetto è lento. Non è responsive, ha una quantità relativa di pagine e contenuti. Non ha una sezione di blog e news aggiornata all’ultima ora. Eppure, nella classifica di Google sta sulla prima pagina e due pagine più sopra del tuo.


Dominio online: conta l’età?

Voglio farti notare che l’età del dominio non si riferisce solo a quanto tempo possiedi un dominio online, ma da quanto tempo è passato da quando Google ha iniziato ad indicizzarlo, anche in base ai contenuti pubblicati sul sito collegato al dominio stesso. Per questo motivo molte aziende sono interessate all’acquisto di un dominio online “invecchiato”.

Un dominio che è in giro da un bel po’ di tempo, per Google è certamente più interessante di uno nuovo. Naturalmente, solo perché un dominio online è stato registrato da 10 anni non significa che Google lo stia indicizzando da allora.


Se un dominio è stato registrato 10 anni fa, ma al suo interno non ha alcun sito attivo, Google non lo ha mai considerato o lo considera alla stessa stregua di un dominio acquistato ieri. Al contrario, recuperare i vecchi url è fondamentale nel caso in cui sul dominio sia collegato un sito web al quale vuoi applicare una buona strategia SEO. In questo caso dovrai assolutamente re-indirizzare tutti gli url ai nuovi permalink ottimizzati per la SEO.

Dominio online: da quanto?

Rifare un sito senza perdere la tua domain authority acquisita nel tempo
è possibile con azioni di re-direct 
dei vecchi url verso i nuovi. 


Il tempo è una discriminante?

Un tema di cui i professionisti della SEO parlano abbastanza e sul quale il dibattito è aperto. Il quadro è però abbastanza chiaro: un dominio online da qualche anno, avrà delle chance in più.

1) L’età del dominio online è un fattore importante nel determinare il suo ranking
2) I siti nuovi sono significativamente svalutati per i primi mesi fino a che non vengono scoperti da Google
3) Secondo Matt Cutts la differenza tra un dominio che ha 6 mesi di età e 12 mesi di età è relativa


Come la pensava Matt Cutts

Matt affermava che l’età del dominio non fosse importante. Indicando chiaramente che la competizione per la visibilità è molto alta, ma laddove si parla di piccoli progetti non vi è molta differenza. “La differenza tra un dominio che ha 6 mesi rispetto a un dominio che ha 1 anno di età in realtà non è così grande. Dopo un paio di mesi dovresti già comparire nei risultati di ricerca. Ritengo meno importante l’età di un dominio rispetto alla qualità dei contenuti pubblicati sul sito web ad esso collegato.”

How does Google determine domain age, and is it important for ranking?

“Un video del 2010 che ha fatto la storia della SEO.”


Backlink e link naturali

Come tanti altri fattori SEO, l’età del dominio online è solo fra tanti che concorrono alla tua visibilità. È non è uno dei fattori più importanti se il dominio è giovane. Ma i domini più vecchi certamente hanno un bel po’ di vantaggio. L’importanza della loro età è data dal fatto che i domini più anziani tendono anche ad avere molti più backlink e link naturali. Proprio grazie al fatto che hanno avuto tanti anni per poterli acquisire.

Molto interessante è poter verificare quanto la qualità dei contenuti, come disse Matt, possa influire positivamente sull’autorità di un dominio. Naturalmente pensiamo che la qualità sia il tuo valore aggiunto.


Il capo dell’anti spam Google

Matt Cutts è un ingegnere software che ha lavorato per Google dal gennaio del 2000. È stato il capo del team anti spam di Google. Prima di arrivare in azienda ha conseguito un dottorato in ricerca e in computer grafica presso l’Università del North Carolina di Chapel Hill. Sì è laureato in matematica e informatica presso l’Università del Kentucky. Maggiori informazioni sul blog di Matt Cutts: www.matcutts.com. Stay tuned, Gestione WP

Nascondi
Guida WordPress 2019