Vai alla home page

Facebook News Feed vuole la page speed

La notizia è ufficiale: Facebook News Feed favorirà i siti web veloci. Di page speed (la velocità di una pagina web) ne parliamo spesso sul blog. Cogliamo l’occasione per sensibilizzare i nostri utenti alla buona realizzazione di un sito web WordPress veloce. Non sei capace? Contattaci!

Anche Facebook news Feed, la parte di notizie della bacheca che evidenzia un post del tuo sito web o blog che magari hai condiviso, vuole siti web e blog veloci. Facebook ha modificato il suo feed di notizie. Ciò farà sì che le pagine web con tempi di caricamento più veloci appaiano più in alto nei feed. Al contrario, le pagine con un caricamento lento, saranno meno visibili e avranno un minor traffico referral. Prima di fare social marketing, assicurati che il sito sia veloce.

Ma che cos’è la page speed? E quali sono i parametri che influiscono sulla lentezza di una pagina web? E ancora, quali parametri sono davvero da tenere in considerazione? In questo recente articolo pubblicato sul blog, ho cercato di spiegarlo meglio, anche grazie alle parole di Google e un attento test valutativo di tutte le risorse: Test sito web. la page speed migliora la SEO. (questo è un iperlink, quindi se vuoi sapere tutto sulla velocità di caricamento di un sito, cliccalo e vai all’articolo).


Facebook News Feed vuole la page speed

Gli ingegneri di Facebook hanno comunicato che il cambiamento è in risposta alle frustrazioni degli utenti di Facebook che navigano siti web lenti a caricare. Il 40% delle persone non aspetta più di 3 secondi prima che si carichi una pagina web, e Facebook vuole assicurarsi che le persone possano passare più tempo a leggere ciò che vogliono senza aspettare troppo.


La navigazione di un sito web deve essere veloce.


Per questo motivo, Facebook afferma che terrà conto della velocità di un sito web per i Facebook News Feed. Se la tua connessione e il sito sono lenti, il link avrà meno visibilità. Gli editori dovranno capire da soli se il loro sito non è conforme agli standard di velocità di Facebook.  Gestione WP ti viene in aiuto. Tutti i nostri utenti che cercheranno sul blog le due parole magiche: page speed, vedranno comparire diversi articoli. Chi invece non ha tempo ma vuole avere subito un risultato ci può contattare immediatamente. Questa è la nostra offerta sulla page speed per siti web e blog WordPress.


Velocità sito web di 3 secondi o meno

PAGE SPEED


Esperienza di navigazione più piacevole

Facebook News Feed veloce e bassa frequenza di rimbalzo. Quando analizzi i dati del tuo sito o blog su Google Analytics, ricordati di verificare la frequenza di rimbalzo. Su una scala di valori che parte da 0 e arriva a 100, più alto è il valore e meno i tuoi utenti dimostrano di gradire i tuoi contenuti. Rimbalzando letteralmente dalla tua pagina web. Una delle cause principali di una frequenza di rimbalzo alta è la lentezza di caricamento. Per questo motivo anche Facebook ha deciso di premiare i siti veloci.

Facebook News Feed vuole la page speed

“L’ultimo test della page speed di Gestione WP.”


TTFB (Time to First Byte)

Il TTFB misura la durata di una richiesta HTTP al primo byte della pagina ricevuta dal browser del client. Questa misura è composta dal tempo di connessione del socket, dal tempo impiegato per inviare la richiesta HTTP e dal tempo impiegato per ottenere il primo byte della pagina. Sebbene a volte sia frainteso, il calcolo originale di TTFB in rete include sempre la latenza di rete nella misurazione del tempo necessario affinché una risorsa inizi a caricarsi. 

Time to first byte

“Il test del Time to First Byte di Gestione WP.”


Naviga in Classe A

Spesso, una dimensione TTFB più piccola (più veloce) è vista come un benchmark di un’applicazione server ben configurata. Ad esempio, un tempo inferiore al primo byte potrebbe indicare un minor numero di calcoli dinamici eseguiti dal server web, sebbene ciò sia spesso dovuto alla memorizzazione nella cache a livello di DNS, server o applicazione. Più comunemente, un TTFB molto basso viene osservato con pagine web servite in modo statico. Mentre il TTFB più grande è spesso osservato con richieste di dati dinamici più grandi che vengono estratte da un database. Stay tuned, Gestione WP.

Nascondi
Guida WordPress 2019