Page speed insight: 2 plugin

Pop-up
WordPress popup plugin
18 agosto 2016
CMS-open-source
CMS open source: WP&Co.
22 agosto 2016
Mostra tutto

Page speed insight: 2 plugin

Page-Speed

Non ci crederai, ma per avere una buona Page speed insight bastano 2 plugin… Il resto? Dragoncello, ali di pippistrello, coda di rospo, tanto sale e pepe e ancora qualche ingrediente segreto che non ti posso rivelare. Tanto per cominciare però, voglio darti qualche dritta che sicuramente renderà il tuo sito web o blog più veloce. Vediamo meglio come fare.

La macchina nuova esce dal box perfettamente a punto. La page speed insight è il risultato finale e prettamente tecnico che aiuterà a portare il tuo sito web in cima alle pagine di Google. Renderà i tuoi utenti soddisfatti nel navigare un sito veloce. Ovviamente siamo solo all’inizio del business. Con 5 Euro di benzina nel serbatoio non andrai molto lontano. La pompa di benzina, dove farai il pieno di SEO, backlink, marketing, social marketing e quanto altro è infatti là fuori che ti aspetta.

Se invece fai un passo indietro e ricordi il tempo e l’impegno che ci hai messo per creare con WordPress un sito web o un blog graficamente bello. Dove l’immagine coordinata riflette il brand della tua azienda. Dove contenuti e servizi sono all’altezza delle tue aspettative. Puoi pensare che al momento della pubblicazione online, il  tutto venga vanificato da un sito lento? Eppure hai acquistato un tema premium. Usato un set di plugin sicuri e testati; taluni a pagamento.

Cosa non funziona? Semplicemente nulla. Ma se il page speed insight è basso, il tuo sito web o blog ha bisogno di essere ottimizzato nelle sue risorse e in funzione del tuo hosting account. Nella stragrande maggioranza dei casi uno shared host. Scelta che come abbiamo ampiamente descritto in questo articolo dipende dalle tue reali necessità: Server Linux per WordPress

Page speed insightRailgun attivo su CloudFare. Grazie al nostro account SiteGround.


Page speed insight e verifiche

Pagespeed insight su qualche sito. Pingdoom, Gtmetrix e soprattutto Webpagetest e scoprirai che il lavoro, per essere considerato finito e di livello superiore è ancora tanto. È fatto di test e prove sul campo. Fino a che troverai la soluzione più efficace per rendere il tuo sito veloce. Non esiste una ricetta della page speed. Esiste solo un fatto. Un sito web lento viene presto abbandonato dai tuoi utenti. Un sito web lento non viene bene indicizzato da Google. Con gli ovvi effetti negativi del caso.

Le variabili sono moltissime. In primis le connessioni, che per loro natura non sono stabili. Il tuo account (vedi sopra), la quantità e la qualità della grafica (anche in base al tema scelto). La qualità (più che la quantità) dei plugin. L’ottimizzazione delle risorse.


Ottimizza tutte le risorse con i plugin

Tutti quei file di codice che non vediamo ma che compongono le nostre pagine web, vengono lette dai browser dei nostri utenti e devono essere “ottimizzati”. Anche grazie all’aiuto di istruzioni in codice e di qualche plugin efficace. Devi in pratica comprimere i file di WordPress, proprio come se zippassi un file sul tuo PC. Spostare qualche file sopra e sotto e attivare la memoria cache in grado di memorizzare le pagine che mano a mano tutti navigheranno.

Fortunatamente, oltre all’aiuto certamente utile di un professionista, puoi usare plugin davvero efficaci, nati per questi molteplici scopi. Alcuni dei quali indispensabili come quelli di questo elenco che ti consiglio personalmente:

  1. Autoptimize (forse il migliore per compressione di HTML, Javascript e CSS)
  2. WP Fastest Cache (il plugin di cache che usa nella versione premium Gestione WP)
  3. WP-Optimize (un ottimo plugin per ottimizzare file e tabelle del tuo DB)

I plugin sono tantissimi e altrettanto efficaci come: WP Super Cache (il plugin per WordPress più scaricato), W3 Total Cache, Speed Booster Pack e altri ancora. Molti web developer trovano infatti un proprio set con il quale ottengono i risultati migliori. Anche in base al tema utilizzato. Elencarli tutti è impossibile, ma ti ricordo che su questo sito esiste una vera e propria directory di plugin (oltre naturalmente ai temi) di quelli secondo noi più validi. Vai alla pagina Link e Risorse e te ne accorgerai.


Controlla il server

Per un lavoro professionale ti occorrerà anche mettere mano alle impostazioni del tuo server account. Con cPanel o Plesk le cose sono abbastanza semplici, con un server dedicato o VPS naturalmente meno (la macchina te la costruisci tu). Ricordati comunque di attivare la compressione Gzip, verificare sia la memoria allocata al tuo PHP che l’ultima versione di PHP installata.

PASSA A SITEGROUND


Una volta poi che il tuo sito web sarà condiviso con CloudFlare, il suo traffico web sarà instradato attraverso una “rete globale intelligente”. Le pagine saranno ottimizzate automaticamente in modo che i visitatori ottengano tempi di caricamento più veloci. CloudFare blocca anche le minacce esterne e limita i boot da parte di crowler abusivi. Il risultato: i siti web connessi con CloudFlare vedono un significativo miglioramento delle prestazioni e una diminuzione dello spam e di altri attacchi.

CloudFare

Ecco come funziona CloudFlare. Con i nuovi DNS a Milano.

Pagespeed insight su ChromeVerifica la page speed insight con il tool di Google Chrome.


Ottimizza le immagini

Se sei un utente affezionato a questo blog saprai bene che noi usiamo questo plugin: ShortPixel Image Optimizer. Ne esistono comunque almeno altri due validi e gratuiti. Le immagini non solo vanno alleggerite con Photoshop e importate nelle dimensioni corrette. Ma vanno ulteriormente ottimizzate grazie al plugin che su 500 kbite di un jpeg è in grado di risparmiarne oltre la metà. Provare per credere. Ogni immagine genera di per se 7/8 anteprime a causa della responsività di tutti i siti web 2.0.  Puoi immaginare quanto peso in kbite tu possa risparmiare con una buona ottimizzazione.


Cosa non fare per essere veloci

Vedo spesso che molti si fanno affascinare da orpelli del tipo: condivisioni social, like social, Facebook widget, related post o altro di quasi “inutile”. È infatti bene che tu sappia che per avere un ottimo page speed insight, ogni cosa che collega il tuo sito ad un link esterno è fonte di grande rallentamento della page speed. Diffida da chi si propone come web designer o web developer dell’ultima ora, senza averne le capacità creative e tecniche. Affidati a dei professionisti del settore.

Ti sembrerà forse strano, ma lo stesso codice di Google Analytics, e le font di Google sono fonti di rallentamento. Usa quindi i tanti “accessori” con cui doterai il tuo sito WordPress con parsimonia e sempre con un occhio attento alla velocità/esperienza utente. Non è detto che gli tutti gli optional siano davvero utili e usati dai tuoi utenti.

PIANI E ASSISTENZA


NON ESISTONO DOMANDE STUPIDE O INUTILI

Le domande hanno solo bisogno
della risposta giusta.

Marcello Moresco
Marcello Moresco
Marcello Moresco è un Art Director - SEO Specialist che negli anni si è specializzato nella realizzazione di progetti web 2.0 e 3.0. Gestisce il gruppo Facebook: Wordpress facile e si occupa di grafica, SEO e ottimizzazione della Page Speed per i propri clienti. CEO e project manager di Gestione WP gestisce il sito, il blog e tutti i servizi assieme agli altri professionisti della squadra. Gestione WP assistenza WordPress e realizzazione siti web è anche su Facebook: Assistenza WordPress.
CHIUDI
CLOSE