Strategia di marketing Inbound

Strategia-di-marketing-Inbound

Continua il viaggio tra i nostri servizi di assistenza WordPress e gestione con questo ulteriore approfondimento su come adottare una buona strategia di marketing inbound. Come già spiegato in pillole nell’articolo con il quale ho aperto questo interessantissimo argomento: Inbound Marketing in pillole. Voglio descriverti in dettaglio la pima fra tutte le fasi citate: quella dell’attrazione.


Dover costruire una strategia di marketing basata su 4 fasi distinte scoraggia a volte molte persone. Davanti a questa possibilità fanno un passo indietro. Risulta molto più semplice andare su Facebook. Creare la nostra inserzione e pagare qualche centinaia di euro a Mark Zuckerberg. Avremo così la possibilità di mostrare i nostri messaggi promozionali a migliaia di utenti.

Quello che molti non ti dicono è che i Facebook Ads sono solo uno strumento e non la strategia. Una strategia sopravvive anche se gli strumenti cambiano, mentre se tutta la strategia è incentrata su uno strumento solo. Ogni cambiamento potrebbe far crollare tutto. Pensa se da un momento all’altro Facebook scomparisse, o se decidesse di alzare i prezzi per le campagne. Se tutti i tuoi ricavi si basano solo sui tuoi Facebook Ads rischi di ritrovarti con in mano un pugno di mosche. Acquistando annunci pubblicitari su Facebook o su qualsiasi social network, non fai altro che affittare un pubblico che non sarà mai tuo. Ti viene offerta la possibilità di mostrare il tuo messaggio. Ma è l’interesse del social network è di tenere l’utente al suo interno per potergli mostrare altre pubblicità su cui guadagnare.


Svincolarsi quindi da questa realtà ti da modo di portare le persone su una tua piattaforma proprietaria. Avrai così la possibilità di entrare in contatto diretto con quelle persone che si sono dimostrate interessate ai tuoi contenuti. Per poterlo fare bisogna sviluppare l’attitudine di saper attirare i potenziali clienti. Caratteristica che ti può permettere di vincere la battaglia con la concorrenza. Senza dover abbassare i tuoi prezzi, potrai permetterti di alzarli e scegliere chi vuoi come cliente. 

Tutto questo grazie ad uno strumento che ancora pochi sanno usare per fare business: internet. Ma tutti conoscono la pagina più visitata a livello mondiale, la pagina di ricerca di Google. Essere tra i primi risultati della SERP (Search Engine Result Page). Le pagine che mostrano i risultati di ricerca sono uno dei fattori più importanti per portare una considerevole quantità di utenti sul tuo sito web. La ricerca su Google infatti è uno dei canali di maggior afflusso di traffico di utenti.


Attrazione: portare le persone sul tuo sito web.


Essere bravi ad attirare gli utenti sul proprio sito web ti darà così un forte vantaggio sulla concorrenza. Gli elementi su cui costruire una strategia di attrazione sono tre competenze distinte che dovrai sviluppare (o delegare a professionisti del settore). Il Blog, il Search Marketing e i Social Media. Sono questi tre strumenti che ti permetteranno di posizionarti in maniera differente rispetto alla concorrenza. Sia agli occhi dei potenziali clienti che a quelli del motore di ricerca.


Strategia di marketing: il blog

I blog, nati come semplici diari online, sono degli strumenti importantissimi per mettersi in contatto diretto con i tuoi potenziali clienti. Ma anche con chi ha già effettuato un acquisto. Le risposte che gli utenti cercano attraverso un motore di ricerca sono quelle che soddisfano un proprio problema o bisogno. Il compito del blog è quello di offrire queste risposte. Chiarire i dubbi dei potenziali clienti, aiutarli nel capire se un determinato servizio è veramente la soluzione al loro problema. Abituarli ad un determinato tono di scrittura. Ad una certa imparzialità e disponibilità ti aiuterà mano a mano ad aumentare l’autorevolezza su quello specifico argomento.

Scrivere su un blog è molto più semplice di quello che si pensi, giusto per chi era già pronto ad obiezioni come “non so cosa scrivere”: se sai parlare ad un potenziale cliente allora sei in grado di scrivere un blog. Il lessico e le forme grammaticali devono essere le stesse che useresti di persona. Quindi semplici e dirette. Anche perché leggere su uno schermo retroilluminato è molto faticoso per l’occhio e il cervello. Usa messaggi semplici e diretti. dai un’occhiata a questo articolo: Scrivere per il web con qualche regola e buonsenso.

Più visitatori sarai in grado di attirare sul tuo blog, più tempo passeranno nella lettura dei tuoi articoli. Maggiore sarà la ricompensa dei motori, mostrando più in alto nelle SERP i contenuti che generano maggiore interesse negli utenti. Un ciclo dove da una parte c’è il contenuto pubblicato, dall’altra i motori di ricerca che ti faranno scalare la vetta. Aiutandoti così a trovare nuovi lettori. 

Google

Strategia di marketing: search marketing

Come detto sopra, la pubblicazione di contenuti aiuta a migliorare il posizionamento sui motori di ricerca. Sulla base del concetto che ai contenuti che ricevono maggiore interesse dagli utenti viene data una posizione migliore nelle SERP. Ma questo da solo non basta: occorre anche ottimizzare i testi in modo che il motore di ricerca sia in grado di comprenderli meglio.

Per scrivere dei contenuti interessanti per la tua audience, devi conoscere gli interessi e le abitudini dei tuoi lettori. Proprio per questo l’imprenditore in prima persona deve prendersi l’impegno di mettere in campo le strategie di inbound marketing. Chi meglio del titolare può conoscere il cliente tipo, quali sono le sue abitudini. Le obiezioni che possono essere mosse al prodotto/servizio, gli interessi correlati? Esistono diversi strumenti online che possono essere utilizzati per sapere quello che stanno cercando gli utenti. Per poterlo sfruttare a proprio vantaggio. E sai qual’è il più grande e potente strumento scientifico che deve diventare il tuo alleato? GOOGLE.

Esatto, il motore di ricerca stesso può diventare la tua arma segreta. Infatti ti basta andare sulla homepage di google e digitare una frase. Appena inizierai ad inserire alcune parole il motore di ricerca in automatico ti mostrerà dei suggerimenti per completare la tua frase. Per comprendere qual’è la domanda che vuoi porre. La “magia” avviene tramite l’autocompletamento di Google (chiamato Google suggest) che intreccia i migliaia di dati statistici (i Big Data) raccolti sulle ricerche che quotidianamente vengono effettuate.


La potenza di Google

Ti starai chiedendo come puoi sfruttare la potenza di calcolo di Google per renderla una tua alleata. Partendo dall’inserimento di frasi che contengono le parole chiave collegate al tuo prodotto o servizio. Potrai trovare una grande quantità di dati che ti aiuteranno a creare contenuti. Questi contenuti avranno come base le frasi statisticamente già cercate e sulle quali c’è una forte richiesta di informazioni. Google mette a disposizione uno strumento fondamentale per qualsiasi sito web. Sto parlando di Google Analytics, un tool gratuito che ti permette di sapere quali sono gli articoli maggiormente letti sul sito. Quelli che generano maggiori interazioni, le abitudini di navigazione degli utenti.

Il Search Marketing è un campo molto vasto, Google ci offre degli strumenti per cercare di renderlo un po’ più semplice. Ovviamente lo fa anche per un tornaconto personale. Quello di migliorare e rendere sempre più personalizzati i risultati mostrati nelle SERP. Mostrandoti delle pubblicità sempre più vicine a quello che stai realmente cercando. Per vendere agli inserzionisti quegli spazi a caro prezzo.

Strategia di marketing Inbound

Strategia di marketing: social network

I social network, ci permettono di entrare in contatto diretto con i nostri clienti e data la grande importanza che questi hanno nel portare traffico sulle pagine del tuo sito, occorre avere una certa consapevolezza di cos’è ciò che funziona e ciò che non lo è.

Il primo consiglio che mi sento di darti quando si parla di social media è non cominciare la tua attività su tutti quelli che esistono soltanto perché è quello che fanno gli altri. Fare quello che fanno tutti è la strategia ideale per continuare a fare gli stessi errori. Compromettendo le opportunità di successo. È meglio iniziare da un singolo canale sociale per capire quali sono le dinamiche degli utenti che portano risultati all’interno della tua strategia. Facebook di sicuro è quello con la più larga base utenti e offre degli strumenti avanzati di analisi della propria utenza. Si può partire da questo social. Verificare quali sono i risultati che possono essere ottenuti. E poi eventualmente prendere in considerazione di aggiungere altri social network.

Devi tenere in considerazione il fatto che ogni Social ha delle dinamiche specifiche, dei contenuti specifici che rendono meglio rispetto ad altri. Producendo contenuti di diverse tipologie (testi, immagini, video, audio, presentazioni). Si potranno analizzare sul singolo social network le interazioni che gli utenti hanno con questi contenuti per capire quale funziona meglio e quale meno.

Vale la pena ricordare che non esiste una regola unica per tutti i social e per tutti i contenuti. Bisogna testare sulla propria nicchia di utenti per capire cosa proporre e in che modo. E per farlo il modo migliore è quello di ascoltare la voce dei propri utenti.

Print Friendly
Jhonny Stanfield
Jhonny Stanfield
Jhonny Stanfield cura la visibilità di Gestione WP sui Social Network con un occhio attento a come ottenere il massimo dal business online: per Jhonny non può esistere progetto online senza una vera strategia di marketing. Jhonny Stanfield lavora per offrire ai professionisti e imprenditori di piccole e medie imprese la possibilità di affacciarsi al mondo della rete con le tecniche giuste. Jhonny Stanfield gestisce i social network e il marketing assieme agli altri membri del Team.


Passa a SiteGround con Gestione WP
Tutta l'assistenza è GRATUITA.

  • This field is for validation purposes and should be left unchanged.