WordPress plugin: Yoast

Plugin WordPress Yoast 960x480 - WordPress plugin: Yoast

Il più scaricato tra tutti i WordPress plugin è lui: Yoast. Molti lo chiamano il plugin delle lucine verdi. Altri sono convinti che basti installare Yoast per fare la SEO. Sicuramente non è così, ma, e se visto come utile strumento di supporto alla pubblicazione dei contenuti, presto vedrai che si rivelerà indispensabile. Un buon articolo può non necessariamente vincere il premio Nobel della letteratura. Ma un articolo con un’ottimo contenuto, scritto con tutte le regole SEO potrà sicuramente scalare meglio la SERP di Google. In questo caso Yoast si rivela un valido strumento. Tanto quanto il tuo correttore automatico di Word.

Che gli americani ci vengano a dire come scrivere può sembrare un po’ anacronistico. Fatto sta che se vuoi scrivere per loro e soprattutto per Google devi attuare delle tecniche che fanno parte di una grammatica SEO precisa. Molte delle quali sono comunque buone regole. Leggere sul cellulare mentre passeggi. Mentre guardi la Tv, fumi una sigaretta o sei sulla “tazza”, non è proprio come leggere un romanzo di Cesare Pavese. Ricordati che il web parla inglese.

Quelli di Yoast lo hanno capito bene e della SEO ne hanno fatto una scienza abbastanza precisa. Ti basta leggere qualche articolo del blog per capire quanto quest’azienda americana (naturalmente) investa sulla SEO. E sullo sviluppo del proprio plugin. In versione GRATUITA è già potentissimo e ricco di funzioni. Con la versione a pagamento e quindi premium, aggiungerai ulteriori funzioni al plugin di tutti i WordPress plugin. Nato per la SEO e con un sacco di funzioni aggiuntive molto, molto utili.

I motivi di questo successo sono sostanzialmente 2. Un plugin completo già dalla versione free. Una serie di corsi online professionali che partono da 99 Euro e si articolano in corsi SEO base e corsi avanzati. Con le opzioni di Yoast potrai facilmente impostare:

  1. Mappa del sito
  2. File robots.txt
  3. Modificare il file .htaccess (direttamente dalla dashboard)
  4. Impostare pagine e articoli (index e no index)
  5. Impostare i breacrumbs

Ti sembra poco. Molti non conoscono bene Yoast e ne danno un giudizio affrettato. Ma se comprendi le funzioni di cui sopra, la prossima volta non penserai più a Yoast come il WordPress plugin delle lucine verdi. Troppo spesso infatti si cercano soluzioni diverse quando le abbiamo in casa e in questo caso il tutto in uno funziona davvero. Oggi voglio per esempio spiegarti meglio come impostare i breadcrumbs di Yoast. Proseguirò presto con altri approfondimenti.

WordPress plugin

“Impostazione dei file grazie al WordPress plugin Yoast.”


Breadcrumbs e Markup

Inserire i breadcrumbs (letterlmente “briciole di pane”) sul tuo sito web, aiuterà molto la tua SEO. Aggiungili! Inoltre, attenzione anche ai microdati. Una specifica di HTML 5 citata in questo articolo, e siamo nel 2011. Il motivo per il quale implementare i breadcrumbs è semplice. Se hai una navigazione complicata del sito e i boot dei motori di ricerca e di Google che visitano il tuo sito potrebbero non riuscire a capirne la giusta gerarchia. Aggiungendo i breadcrumbs stiamo dicendo a Google: “Hey, so che questa navigazione è confusa, ma ti preghiamo di considerare la scansione del nostro sito in questo modo”.

Assistenza WordPress

“La nostra home page indicizzata su Google.”


WordPress plugin focus

Attivando i breadcrumbs, potrai copiare il codice PHP generato in uno dei tuoi file PHP. Se per esempio e come nel nostro caso vorrai evidenziare la navigazione negli articoli, ti basterà copiare il codice nel punto giusto del tuo file single.PHP (il file PHP responsabile di tutti i tuoi articoli). Come puoi notare dall’immagine, attivare i breadcrumbs risulterà estremamente efficace.

Sia per una migliore esperienza utente che, e questo è il nostro principale obiettivo per una migliore indicizzazione su Google del tuo sito web. Continua a seguire questo blog e leggere i nostri articoli. Approfondiremo ancora il tema Yoast e sue altre funzioni in successivi articoli di prossima pubblicazione. Hai bisogno di assistenza WordPress? Contattaci!


Miglior plugin SEO

Avrai capito da questo breve articolo quanto è importante compilare in modo corretto tutte le informazioni delle tue pagine e articoli. Per questo lavoro Yoast è veramente il miglior plugin SEO. Unico difetto forse, la quantità di risorse che utilizza. Se fai un test infatti, noterai che tra tutti i plugin Yoast è quello che “consuma” di più. Ma a discapito di ciò i vantaggi e l’aiuto sono enormi. Con una buona ottimizzazione delle risorse (la page speed che se vuoi posso realizzare per il tuo sito o blog WordPress) ovvierai a questo problema. Avendo comunque un sito web veloce. Ma con tutte le pagine compilate per essere indicizzato nel migliore dei modi sulla SERP di Google e nel migliore dei modi.

Voglio ricordarti che la SEO non si limita ovviamente a compilare i dati del plugin Yoast e accendere tutte le lucine verdi. Esegui sempre dei test sulla buona qualità SEO dei tuoi contenuti. Utilizza le regole giuste per scrivere sul web creando attenzione ai tuoi contenuti esposti in modo semplice e chiaro. Otterrai presto ottimi risultati avendo tanta soddisfazione dagli utenti che troveranno su Google. In questo articolo puoi trovare buoni spunti su come scrivere sul web: Scrivere per il web.


Plugin WordPress: tanti o pochi?

Il proverbio dice: “Meno e sono meglio è”. Gli sviluppatori molte funzioni riescono ad integrarle direttamente in codice. Ma se tu usi WordPress a livello “amatoriale” non sarai in grado. Vorrei però sfatare un falso mito: non è tanto la quantità ma la qualità. Ricordandoci sempre che i plugin sono delle potenziali back door per l’intrusione di spam. O peggio perché il tuo sito web o blog WordPress venga hackerato, non è però del tutto vero che non possano essere parecchi. Gestione WP gestisce con PHP 7.1.2 ben 27 plugin. La dimostrazione che plugin di qualità fanno la differenza.

Page-Speed

“TTFB: Time to First Byte in classe “A”.

Qualche plugin può certamente rallentare il sito di qualche millisecondo. Lo puoi verificare installando questo plugin: P3 (Plugin Performance Profiler). Ma un buon set di plugin aggiuntivi a quei pochi standard presenti nell’installazione di base di WordPress, sono necessari e indispensabili. Una buona page speed (l’ottimizzazione di tutte le risorse) ti porterà comunque al nostro risultato.

Print Friendly
Corso WP 1 610x320 - WordPress plugin: Yoast

CORSO WORDPRESS

Scopri di più

Tutti i segreti per diventare un PRO!

Grazie per averci inviato la tua email.